Descrizione tappe 1-7

Tappa 1: Ghiare di Berceto – Lago Santo Parmense  (13/05/2017)

Lunghezza: Km 27.8 - Dislivello salita: 1508 m - Dislivello discesa: 462 m. - Quota massima 1511 m.                                  Partenza ore 8.50 - Arrivo ore 15.45 - Ciclabilità 85% - Asfalto 12 km. - DT: MC / DA: BC

Tappa abbastanza breve e non troppo impegnativa ideale come rodaggio per poter affrontare tutte quelle successive ma che ci fa subito entrare nel vivo del percorso. Salendo rapidamente in quota su asfalto si prosegue poi tra ampi pascoli e praterie aperte e panoramiche quindi sui sentieri duri e sassosi tipici di questa prima parte di Appennino. Diverse saranno le occasioni per spingere la bici, ma anche sentieri ben percorribili, un percorso molto vario, tra praterie e faggete, tratti di strade forestali e un bel sentiero storico realizzato con grandi lastroni di pietra, sino all’accogliente rifugio al bordo del lago circondato da vaste faggete, sotto la cima del monte Marmagna.

Si parte pedalando su asfalto (11 km per 530 metri di dislivello) dalla stazione FS presso la frazione di Ghiare di Berceto, situata nel fondovalle del Taro, fino al capoluogo Berceto, punto di partenza ufficiale del trekking. E’ l’ultimo punto utile dove fare acqua fino al posto tappa del rifugio Mariotti. Da Berceto al Lago Santo Parmense è un percorso completamente alternativo alla tappa pedonale per evitare il crinale della Val Baganza assai discontinuo e l’impervio percorso dell’Alta Val Parma che sarebbe tutto da fare a piedi. Si risale la testata della Val Baganza dapprima su una ghiaiata carrabile ben pedalabile fino al Lago Bozzo (km 17), porta d’ingresso nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, quindi per pascoli e forestali si raggiunge il Passo del Cirone. Qui la vista si apre sull’alta Val Parma e le prime cime importanti dell’Appennino settentrionale: il monte Orsaro e le altre vette della testata della valle. Questo tratto è ben pedalabile, anche se lo trovo completamente allagato dalle recenti pioggie, dopo seguono circa due km col fondo malmesso che obbligano a qualche tratto a piedi poi diventa un bel tratturo nuovamente ciclabile. Al km 20 lo si lascia per un sentiero a destra che anticipa la salita al passo del Cirone. Dal passo si risale dapprima in pineta e poi su pascolo fino al monte Tavola non prima di un breve ma molto ripido tratto non ciclabile, unico  in comune con l’AVP trekking. Superati i pascoli del Tavola (km 24) ci si concede l’unica breve discesa della giornata che dalla Bocchetta del Tavola conduce al sentiero di Maria Luigia (723). Inizia dunque l’ultima fatica del giorno: il sentiero è molto bello, taglia in quota il versante, presenta tratti lastricati con grandi pietre, pedalabile ma impegnativo fino al Ponte Rotto, poi ci sono circa 80 metri di dislivello a spinta ripidi per arrivare al Lago Santo e alla meritata meta del Rifugio Mariotti dove si pernotta. Un bel rifugio di montagna proprio sulle rive del lago, ai piedi del Monte Marmagna, che purtroppo oggi rimane invisibile coperto da una fitta coltre di nubi  (km 27.8).

Meteo: giornata fresca e soleggiata, vento forte dai quadranti orientali e muro di nubi sul crinale.

Spese: treno Bo-Berceto € 11,10 + 3,5 bici

Pernottamento: Rifugio Mariotti mezza pensione socio cai + bevande: 44€ (ottimo e ben gestito rifugio di montagna)

 

Tappa 2: Lago Santo Parmense – Passo del Cerreto (14/05/2017)

Lunghezza: Km 57.8 - Dislivello salita: 1813 m - Dislivello discesa: 2136 m. - Quota massima 1536 m.        Partenza ore 8.50 - Arrivo ore 15.45 - Ciclabilità 95% - Asfalto 5.1 km. - DT: BC / DA: BC

Tappa impegnativa, ci darà un’idea di come saranno le prossime giornate da qui per tutto l’Appennino emiliano. Si comincia con un bel single track in discesa poi si proseguirà ancora alternando carrarecce pedalabili a sentieri, tratti di pista da sci a tratturi sassosi. Ancora il percorso ci obbligherà a diversi momenti a spinta in salita laddove il fondo e soprattutto la ripidità del sentiero saranno troppo impegnativi. Attraverseremo la bellissima zona dei Cento Laghi dell’Appennino parmense sino a portarci in territorio reggiano al posto tappa sito al valico stradale del Cerreto. Altra tappa che si discosta dal percorso pedonale anche qui molto impervio poiché corre sui crinali della catena appenninica. In MTB si sta più bassi, potendo però toccare luoghi alternativi ma molto suggestivi come il Lago Gemio inferiore e il bel borgo montano di Valditacca.

 

Usciti dal Mariotti, dopo aver costeggiato il lago per circa un km su sentiero abbastanza sconnesso si comincia con la discesa più bella del tratto parmense dell’AVP: le Carbonaie (sentiero 723b), uno splendido e fluido single track in faggeta che ci conduce fino alla strada carrabile forestale per i Lagoni (km 2.7). Da qui alcuni km di sterrato molto ben pedalabili ma purtroppo aperti al traffico veicolare conducono al Lago Gemio Inferiore (acqua, servizi). Ora inizia una breve salita su asfalto molto deteriorato fino al passo della Colla (km 9.0) da cui si scende velocemente su strada ghiaiata poi asfaltata a Valditacca (km 15.0). Dal bel borgo in sasso (acqua, servizi) ancora su asfalto proseguiamo oltrepassando il torrente Cedra. Poco dopo il torrente inizia una salita pedalabile ma con un paio di duri strappi su pista forestale verso le vecchie piste da sci di Trefiumi. Qui ci s’innesta sulla strada di servizio asfaltata che sale con un paio di ripidi tornanti fino alla diga del Lago Ballano (km 23.0 - acqua). Ora nel bosco si scende per sentiero a tratti sassoso e sconnesso (BC) per arrivare in breve a Pratospilla (km 24.5) e poi svalicare nella conca dove si trova la località sciistica (acqua, servizi).

Da Pratospilla si sale per un bel sentiero ma con pochi tratti ciclabili verso il Lago Verdarolo (km 26.0) e da qui in breve si raggiunge il Lago Scuro. A fine stagione è senza acqua: è di grande interesse in particolare per la presenza dei tronchi di giganteschi abeti bianchi, autentici relitti dell’ultima glaciazione.
Dalla sponda del lago si piega a sinistra scendendo nel bosco (senza percorso obbligato, seguire bene la traccia gps) attraversando il vecchio canale sino a intercettare la sottostante vicina pista forestale da seguire poi a destra. Al primo bivio svoltare a destra (cartello ippovia), la pista è un po’ sporca e in parte rovinata e senza alcun segnavia. Dopo una ripida discesa che termina in un’ampia forestale, si volta a destra in direzione del Passo del Lagastrello. E’ un tratto molto interessante sia per il magnifico ambiente sia per la tecnicità del percorso che in ultimo diviene sentiero (tratti non ciclabili). L’ultima ripida rampa deposita alle belle praterie sotto al Lago Squincio (km 26.0). Qui tenendo la destra s’imbocca una rilassante pista forestale in leggera discesa si arriva al Passo del Lagastrello (km 31.0). Si costeggia il lago senza percorso obbligato (cambia in base al livello dell’acqua, con il lago pieno si deve aggirare uno sperone roccioso passando nel bosco) risalendo fino al sentiero che lo costeggia sulla sponda destra. In prossimità della diga con pochi metri a piedi si raggiunge una radura con maestà in pietra, dove inizia la lunga risalita (spesso a piedi) per il sentiero verso Monte Acuto e solo dopo il bivio per il rifugio (km 35.7) si torna finalmente a pedalare su un largo tratturo. Giunti alla Sella del Fugacciaro inizia la discesa per forestale sassosa verso Succiso non prima di aver guadato il torrente Liocca (in primavera e durante forti piogge potrebbe risultare difficoltoso- km 39.3). Si risale poi alla pista forestale che arriva a Succiso (km 41.2 -Centro Visita del Parco, bar, negozio, ristorante). Costeggiata l’area verde del paese, si sale su strada asfaltata al Passo della Scalucchia (km 47.5). Dal passo su traccia erbosa si prende a destra la pista forestale che attraversa a mezza costa le pendici del Monte Casarola, incontrando alcuni tratti tecnici prima di Capiola e in seguito tratti in terra battuta con rischio fango nei periodi piovosi. Giunti al Passo dell’Ospedalaccio (cippo napoleonico) in breve un magnifico sentiero (MC) a sinistra conduce direttamente all’Albergo del Passo al Passo del Cerreto (km 57.8).

Meteo: inizialmente giornata fresca e soleggiata, poi presenza di nebbia a tratti proveniente dal crinale reggiano con nebbia persistente all’arrivo al Passo del Cerreto

Pernottamento: Albergo Passo del Cerreto: pernottamento-cena-colazione-panini: 80€ (Attenzione: concordare telefonicamente prima le spese di mezza pensione per evitare sorprese - chiedere la ricevuta !!)

Tappa 3: Passo del Cerreto – San Pellegrino in Alpe  (15/05/2017)

Lunghezza: Km 45.5 - Dislivello salita: 1608 m - Dislivello discesa: 1443 m. - Quota massima 1753 m.                                  Partenza ore 7.15 - Arrivo ore 15.50 - Ciclabilità 98% - Asfalto 2.0 km. - DT: MC+ / DA: BC

Ancora una tappa impegnativa ma meno faticosa perché maggiormente scorrevole, che attraversa lungamente il comprensorio dell’Appennino reggiano all’interno del Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. Interamente al cospetto di alcune delle più alte cime dell’Appennino occidentale è a mio parere una delle più belle tappe dell’intera traversata. Si percorrono lunghi tratti di piste forestali, pertanto il percorso risulta abbastanza veloce, divertente ma anche vario in quanto alterna percorsi all’ombra d’importanti boschi di faggio a lunghi tratti di crinale ampi e panoramici. Molti i luoghi d’interesse naturalistico e storico attraversati con una chicca finale: il bellissimo percorso di crinale lungo il sentiero 00 che conduce alla fine di questa memorabile giornata.

Si comincia con l’aggiramento del Monte La Nuda seguendo una rete di piste forestali che lo costeggiano sul lato nord attraversando ambienti di grande interesse naturalistico, come il Lago Pranda e la valle del Riarbero.
Dal Passo del Cerreto si sale in direzione Cerreto Laghi seguendo la carrabile asfaltata poi a sinistra si scende su strada forestale (prima asfaltata poi gravel) a costeggiare il Lago Pranda, proseguendo all’interno di un bel bosco con percorso ondulato e vario fino al guado del rio Riarbero. Superato il torrente, inizia una lunga e impegnativa salita, con alcune rampe molto ripide e continue ma grazie al buon fondo sono pedalabili, sempre all’ombra di una vasta faggeta. Superato il Passo del Lupo (km 10.7) la pendenza si addolcisce e si raggiunge il sentiero di crinale al Passo di Cavorsella (km 12.5) dove si prosegue su pista forestale fino al Passo di Pradarena (km 14.0). Da qui attraverseremo tutta la parte alta della Valle dell’Ozola, all’interno di una magnifica foresta su di una rete di antiche mulattiere, salendo in direzione sud est a contornare le praterie del Monte Asinara fino al Passo della Comunella (km 15.7). Dopo una breve e ripida discesa inizia la parte più spettacolare della tappa. Single tracks nel bosco si alternano a tracce di sentiero nelle praterie e tratti di piste forestali, il percorso è ondulato e vario, con alcuni tratti da fare a spinta. Si segnalano alcuni luoghi di particolare pregio: le Praterie della Lama di Mezzo, il Bosco di Soraggio, la Fontana del Pastore, il Lago del Capriolo (km 22.7). Si arriva infine sulla strada forestale che sale da Ligonchio (km 25.0) che si segue lungamente in salita superando prima il Rifugio Bargetana poi la bella pista corre in lieve salita parallelamente al crinale appenninico sino al passo Lama Lite (km 28.8). Qui con una breve digressione è possibile raggiungere il Rifugio Battisti per un ristoro o eventualmente per fare tappa. Dal passo comincia una lunga discesa, meglio mantenersi sulla pista forestale e non sul sentiero, attraversando tutta la foresta della Valle del Dolo, chiamata Abetina Reale o Bosco Reale in onore degli Estensi cui si deve il suo originario impianto. Si supera il Rifugio Segheria (km 33.3) proseguendo poi in comoda salita fino al Passo delle Forbici (km 36.7-bella cappella votiva e riparo di emergenza) e poi con pendenze un po’ più sostenute, al successivo Passo del Giovarello (km 38.0). Si abbandona ora la strada carrozzabile per seguire il bellissimo sentiero 00 alla nostra destra, salendo pochi metri a spinta sull’ampio spallone. Da qui comincia l’entusiasmante discesa finale che regala tratti panoramici e tecnici (BC). Terminato il single track si arriva con comoda sterrata al Passo delle Radici. Qui si attraversa la strada asfaltata per seguire il bel sentiero che con percorso ondulato e panoramico arriva a San Pellegrino in Alpe al termine di una tappa di grande soddisfazione (km 45.5).

Meteo: giornata fresca e ventilata con variabilità di sole e nuvole

Pernottamento: Albergo Ristorante Pacetto: mezza pensione: 58€ (ottima gestione contraddistinta da tanta cordialità e un buon trattamento)

Tappa 4: San Pellegrino in Alpe – Fiumalbo (16/05/2017)

Lunghezza: Km 40.8 - Dislivello salita: 1320 m - Dislivello discesa: 1874 m. - Quota massima 1628 m.                                  Partenza ore 7.40 - Arrivo ore 14.45 - Ciclabilità 98% - Asfalto 9.7 km. - DT: OC /DA: BC

Tappa leggermente meno impegnativa delle precedenti, infatti l’Appennino si addolcisce man mano che ci portiamo verso est e il percorso diventa più adatto per la mountain bike. Entriamo nel comprensorio idrografico dei vari corsi d'acqua che scendendo dal crinale andranno a formare l’ampia vallata del fiume Panaro, nel modenese, lasciando definitivamente le vallate reggiane. Sarà comunque una tappa interessante e ricca di spunti tecnici, ambientali e storici di tutto rispetto, portandoci ai piedi della montagna più alta dell’intera catena appenninica emiliana: il Monte Cimone.

Il paese di S. Pellegrino in Alpe, che con i suoi 1700 m. è l’abitato più alto dell’Appennino Tosco-Emiliano, è diviso a metà tra la Province di Modena e Lucca (qui si narra che l’omonimo Santo stanco del Diavolo gli sferrò uno schiaffo che lo fece volare e oltrepassare, bucandolo, l’attuale Monte Forato delle Alpi Apuane). Dall’abitato, tramite una scalinata che ci obbliga a salire a piedi, si entra nella pista forestale poi si pedala comodamente verso il famoso “Giro del Diavolo” dove ancora oggi, sotto la cappelletta, si può notare il cumulo di sassi portati a mano in penitenza dai fedeli (le dimensioni dei sassi equivalgono al peccato da espiare). Giunti alla Bassa del Saltello (km 6.9) si abbandona il tracciato 00 pedonabile (che ritroveremo soltanto nel tratto finale delle tre tappe modenesi) e attraverso strade forestali sterrate si raggiungono le piste da sci di S. Anna Pelago (km 9.8). Qui inizialmente scendiamo per un sentiero non segnato e sporco (MC+) non sempre ben individuabile che termina su una strada sterrata che conduce alla frazione Borracce, a monte di Ponte S. Anna, che si raggiunge poi con veloce discesa (km 12.6). Dopo un breve tratto sulla SP324, si sale con strappo deciso ma asfaltato fino alla frazione di Vaccherecce da cui, sulla sinistra poco visibile, si diparte una vecchia mulattiera che ci condurrà fino al Santuario di Monticello (km 17.4-tratti MC/BC). Dopo una breve ma doverosa sosta al Santuario (fonte), si sale su pista forestale in costante e lunga salita ma ben pedalabile sotto il Monte Nuda sino a giungere, in zona “Roncoglione”, ad un’impercettibile sella in luogo molto bello e solitario (km 22.1). Inizia ora un bellissimo single track (MC con qualche passaggio BC) su sentiero Cai nr. 535 che ci accompagna fino al bel borgo di Tagliole (km 24.9 - abitato con caratteristiche case celtiche). Si prosegue su strada asfaltata in lieve salita sino all’uscita del paese dove seguo le indicazioni per Rotari, non dovendo pernottare al rifugio Vittoria al lago Santo modenese. Una breve discesa poi si risale sempre su strada asfaltata a scarso traffico accompagnati per tutta la salita dalla stupenda veduta sul circo glaciale del sistema Giovo-Rondinaio. Giunti al Passo della Fiancata (km 31.8) si noterà una cappella votiva sulla sinistra e una strada bianca sulla destra che prenderemo (indicazioni AVP). Questa, in continua ripida salita ma con ottimo fondo, ci condurrà fino all’intersezione con la celebre “Via del Duca” (km 33.6). Proseguiamo a sinistra in discesa (attenzione con la pioggia, perché la strada è a fondo ciottolato e può diventare molto scivolosa) fino ad arrivare alla località Ca’ de Coppi (acqua oltre la strada asfaltata), nella Val di Luce. Qui, poco prima del ponte che immette sulla comunale asfaltata, s’imbocca sulla sinistra un bel sentiero sigle track tecnico (BC+/OC), soprattutto nella parte finale (prestare molta attenzione se bagnato) che scende costeggiando il torrente delle Pozze in un ambiente umido e suggestivo e termina a Dogana sulla famosa S.S. 12 “dell’Abetone e del Brennero” (km 38,3). Scendiamo ora per asfalto fino all’antico abitato di Fiumalbo, dove termina la tappa (km 40,8).

Meteo: giornata soleggiata con qualche nube, forte vento di maestrale in calo in serata

Pernottamento: Albergo Ristorante Appennino: mezza pensione 64€ (disponibilità e cortesia del titolare, buona qualità)

 

Nota: per motivi logistici la tappa l’ho dovuta terminare in questa tranquilla cittadina ma si consiglia, se rimane ancora un po' di energia per “alleggerire” la giornata successiva, di salire sino alla frazione Doccia di Fiumalbo dove è possibile pernottare all'Agriturismo Alpe di Sara. In questo modo la tappa diventa di 45,3 km con un dislivello in salita di 1737 m, per godere meglio della lunga, intensa ma splendida tappa del giorno dopo.

 

 

Tappa 5: Fiumalbo –  Borgo Capanne (17/05/2017)

Lunghezza: Km 55,9 - Dislivello salita: 2365 m - Dislivello discesa: 2673 m. - Quota massima 1873 m.                                  Partenza ore 7.40 - Arrivo ore 18.30 - Ciclabilità 98% - Asfalto 9.7 km. - DT: OC / DA: OC

Tappa interminabile e impegnativa, obbligata dalla logistica dei pernottamenti, ma di grande valore per le caratteristiche del percorso, una lunga cavalcata tra le cime più alte del comprensorio appenninico modenese e bolognese. Scopriremo prima il Monte Cimone e il suo vasto altipiano che valicheremo con lunga ma piacevole salita al passo più alto dell'intera Alta Via. Poi con una grande traversata in costa si aggira la grande montagna, per sentieri e strade forestali, toccando poi il bellissimo passo del Colombino dove comincia l'avvicinamento verso il Corno alle Scale. Sarà un susseguirsi di cambi di pendenza, dentro e fuori dal bosco, incontrando facili guadi e numerosi rifugi forestali, per poi affrontare la lunga pedalata sempre in quota, sul crinale tra Emila e Toscana, toccando il lago Scaffaiolo e aggirando il Monte Gennaio. Infine si perderanno quasi mille metri di quota su un sentiero impegnativo sino a arrivare finalmente nell'alta valle del fiume Reno, dove termina questa lunga tappa.

 

Parto dopo una sostanziosa colazione, purtroppo non presto come avrei voluto per una tappa che sapevo già molto intensa, condizionata dalla chiusura dei rifugi,  pronto per l’ ”attacco” al Monte Cimone. Prima su asfalto e poi su forestale, s’inizia la lunga salita sul versante ovest poi nord del Cimone che porterà, tramite il passaggio dei Balzoni (km 8,7), a entrare nell’anfiteatro naturale e spettacolare di Pian Cavallaro. Raggiunta la strada militare asfaltata si sale brevemente a destra sin dove questa termina a circa 200 mt. più in basso della vetta, purtroppo invasa da installazioni militari (ricordiamo che il Cimone con i suoi 2165 mt. è anche la cima più alta dell’Appennino Settentrionale). Imbocchiamo a sinistra il sentiero n.11, poco visibile, in discesa poi seguendo un raccordo tra le piste da sci con qualche risalita si arriva alla pista rossa n. 4, dove ricominciamo a scendere in direzione “Cimoncino”. Intercettata la pista da fondo (sentiero Cai 445-km 14,3) teniamo la destra. Inizia ora la lunga traversata sotto le “Ruine del Cimone”, un tratto instabile e franoso che regolarmente cambia ogni stagione. Sistemato qualche anno fa il sentiero presenta un solo tratto di portage breve ma un poco esposto in corrispondenza del canalone che scende dall'impluvio tra il Cimoncino e il Monte Piazza. Segue poi un percorso su pista forestale con qualche strappo duro alternato a discese veloci (MC+passaggi BC) fino all’Oratorio di Seralta di Là. Scendendo ancora, s’incontrano nell’ordine il Bivacco di Fanano (ricovero di fortuna sempre aperto) e il rifugio Gran Mogòl (le chiavi sono reperibili c\o Ufficio Turistico di Fanano). Arrivati al bivio per i Taburri (km 20) si segue ancora il sentiero Cai nr. 445 a destra in direzione del Passo del Colombino, mentre a sinistra scendendo brevemente è possibile una breve digressione al rifugio (se aperto), collocato su un ampio pianoro erboso dove potersi rifocillare e riposare (fonte). Il percorso, tranne qualche deciso strappo iniziale, sale sempre ben pedalabile con moderata pendenza attraverso boschi e distese di piante di mirtillo. Alla propria sinistra si incontra poi un altro rifugio con fresca fonte (La Pilaccia - frequenti sono i rifugi in questo tratto dell’Appennino modenese, ma sono quasi tutti chiusi o necessitano di prendere le chiavi nel fondovalle) prima di raggiungere il grandioso balcone panoramico del Passo del Colombino (km 23,8) tra la valle del torrente Fellicarolo e quella dell’Ospitale: di certo uno dei belvedere più straordinari di tutto l’Appennino Tosco-Emiliano ! Per il sentiero Cai nr. 419, pedalabile e senza difficoltà tecniche rilevanti (MC), si comincia a scendere incontrando il rifugio Villa Rosella e dopo aver attraversato il fosso della Mirandola, per dolce declivio si arriva al Capanno Tassoni, noto luogo e punto di ristoro (con possibilità anche di pernottamento) dell’Appennino Modenese (km 27,7). Per facile carrabile sterrata – aperta anche alle auto – si attacca la lunga salita fino al Passo di Croce Arcana (dove sono stati innalzati monumenti ai caduti della II guerra mondiale con residuati bellici locali), un altro eccezionale punto panoramico sul crinale appenninico tra Toscana ed Emilia (km 32,2). Inizia ora una delle tratte più belle dell'intera Alta Via, che se viene però intrapresa con brutto tempo può diventare molto impegnativa per forte vento, scarsa visibiltà e freddo, anche in piena estate !! Con una bella giornata si tratta invece di un percorso magnifico, una lunga pedalata sullo spartiacque tra Emilia e Toscana, con ampi panorami che possono spaziare dalle cime del gruppo dell'Adamello, quelle del Brenta e le Prealpi venete al Monte Capanne all'isola d'Elba, con tutto l'arcipelago toscano e sino alla Corsica in condizioni di visibilità  davvero eccezionali.

Seguiamo quindi il sentiero 00, aggiriamo il Monte Spigolino, poi si prosegue senza affanni (bici a mano soltanto per qualche decina di metri) in direzione del lago Scaffaiolo e dell’adiacente rifugio Duca degli Abruzzi, eventuale punto tappa (km 35.8). Dal lago Scaffaiolo (1794 m) si raggiunge il vicino Passo dei Tre Termini e da li, traversando in quota l’ultimo antico circolo glaciale che s’incontra sull’AVP, si raggiunge il Passo dello Strofinatoio (km 37,7), il tratto su sentiero è quasi tutto pedalabile. Qui s’incontra la prima discesa tecnica (passaggi OC) il primo tratto è consigliabile farlo a piedi raggiungendo poi in sella il Passo del Cancellino (km 39,0). Da quest’ultimo passo si attraversano le pendici settentrionali del Monte Gennaio incontrando la sorgente dell’Uccelliera (ottima fonte), si tralascia il sentiero di crinale 00 costeggiando il Poggio delle Ignude. Questo tratto tutto su sentiero non presenta particolari difficoltà ma è un po' esposto e in alcuni casi sarà prudente procedere con la bici a mano. Ora l’alta via prosegue in discesa, meno impegnativa, e attraversa l’alta valle del torrente Causso, completamente ricoperta di boschi di faggio, incontrando poi le belle radure del Rombicciaio e di Pian dello Stellaio (km 45,3). Da qui con alcuni brevi tratti a spinta si sale su sentiero alle quasi impercettibili cime di monte Toccacielo e monte Pianacetto poi finalmente in discesa (MC+) fino al passo delle Tre Croci, a pochi minuti dal rifugio Monte Cavallo (km 48,7). Apro a questo punto questa doverosa parentesi: il rifugio sarebbe il punto di sosta ideale di questa tappa, purtroppo la gestrice, già contattata telefonicamente in fase di programmazione del percorso si era dichiarata disponibile ad aprire il rifugio anche per una sola persona. In realtà ricontattata due giorni prima del mio arrivo si è sempre negata costringendomi ad allungare ulteriormente la tappa scendendo a Borgo Capanne, primo posto utile dove trovare da dormire per la notte. Comincio così, abbastanza stanco, la interminabile discesa finale su un sentiero piuttosto sporco e in precario stato di manutenzione, chiaramente poco transitato, spesso devastato dalle acque di scorrimento. Una discesa ripida (BC+) nella Valle del rio Maggiore, interamente ricoperta di boschi, fin dove terminano le rocce arenacee; qui l’ambiente si addolcisce e diventa aperto e il percorso si trasforma in trattorabile (NB questo ultimo tratto dopo forti piogge può dare problemi per la presenza di fango ma sempre pedalabile, in alternativa si può scendere dai pressi del rifugio di Monte Cavallo per più comoda strada sterrata a Granaglione poi su asfalto sino a Borgo Capanne passando per il borgo di Lustrola). Finalmente arrivo alle poche case di Borgo Capanne dove posso definitivamente fare sosta per la notte (km 55,9).

Meteo: giornata soleggiata con qualche nube, fresca, vento moderato dai quadranti occidentali

Pernottamento: Affittacamere il Cardo: B&B + cena: 57€ (comodo perché sul percorso, basica la sistemazione e discreto il ristorante)

Nota: la tappa ideale prevedeva la partenza da Doccia di Fiumalbo e arrivo al rifugio di Monte Cavallo: sono 53,5 km con un dislivello positivo di 1850 m, intensa e non banale, praticamente tutta fuoristrada, che permette di procedere con un poco più di calma e di sfruttare al meglio di tutte le grandi emozioni della giornata !

 

Tappa 6: Borgo Capanne – Roncobilaccio  (18/05/2017)

Lunghezza: Km 43,6 - Dislivello salita: 1716 m - Dislivello discesa: 1863 m. - Quota massima 1101 m.                                  Partenza ore 7.15 - Arrivo ore 16.10 - Ciclabilità 95% - Asfalto 15.6 km. - DT: BC+ / DA: BC+

Dopo la dura giornata precedente, anche oggi non si scherza, tappa non lunghissima ma con un buon dislivello finale e soprattutto attraverso un territorio che non fa mai sconti ! Seguiamo l’Alta Via laddove possibile, ma la ciclabilità ne risente parecchio; tutto il percorso, sia in salita sia in discesa è spesso poco scorrevole, anche se non ci sono mai veri lunghi portage si è costretti a scendere dalla bici in diverse brevi occasioni e anche questo a fine giornata fa la differenza. Si recupera un po’ nell'alta percentuale di asfalto da percorrere, comunque nel complesso si tratta di una tappa interessante, certamente meno superlativa rispetto alle precedenti ma che tocca ambiti naturali e storici molto interessanti, all’interno del vasto Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone nel territorio bolognese.

 

Si continua la discesa iniziata il giorno precedente verso Ponte della Venturina (395m), nel dedalo di strade e carrarecce, dove occorre prestare molta attenzione alla segnaletica e al gps poiché bivi sono tanti. Da questo grande paese di fondovalle è possibile interrompere o cominciare l’Alta Via in quanto collegato alle stazioni ferroviarie di Bologna o Pistoia. Il nostro percorso segue ora per pochi km la statale e raggiunge su asfalto la diga del Lago di Pavana, dove ritroviamo i segnavia dell’Alta Via. Dalla diga inizia una forte salita da fare a spinta o portage per almeno quindici minuti (questo tratto può essere evitato senza lasciare la strada asfaltata al bivio con l’Alta Via, per poi riprendere la traccia una volta scollinato in località Campacci). Finalmente il sentiero migliora e si pedala sino alle case del Poggio di Badi (km 5.1) e poi ancora in salita il borgo di Campiserri. Il percorso sale ancora un poco con brevi tratti a spinta fin sul crinale per poi iniziare a scendere attraversando l’asfalto nei pressi di Badi, per poi raggiungere un’altra asfaltata che sovrasta la sponda orografica sinistra del Lago di Suviana. Siamo ora all’interno del Parco Regionale dei Laghi Suviana e Brasimone e tenendo la destra pedalando un poco sull’asfalto in breve scendiamo su sterrata a bordo lago (km 10.7- questa breve variante rispetto alla traccia originale permette di evitare un po’ del “sali e scendi” dalla bici a cui ci obbligherebbe l’Alta Via). Comincia il sentiero che risale il lago, molto bello ma ci costringe a numerosi “su e giù” dalla bici e prosegue poi nella boscosa valle del Limentra di Treppio. Raggiunto finalmente il ponticello in località Ca Badioli verso sinistra comincia una ripidissima salita su stretta stradella asfaltata sino alle case di Stagno (fonte – km 15.1). Qui si riprende la traccia dell’AVP pedonale e su pista sterrata con segnavia Cai 009 (indicazioni Capre Vecchie Alpe di Stagno poi Logomano) si ricomicia a salire duramente. Questa seconda variante all’Alta Via se pur inizialmente ripida e con anche alcuni tratti a spinta rimane l’unica fattibile e conduce a Logomano, o Luogo Umano, dove un interessante tabellone esplicativo del Parco spiega la storia di questo bellissimo e ameno posto sperduto tra i boschi (km 17.8). Ancora una breve pedalata nel bosco poi intercettiamo nuovamente l’Alta Via e comincia una breve discesa tecnica (BC+) molto divertente che ci porterà al passo di Barba Mozza, sulla strada asfaltata proveniente da Baigno (km 20.7). Dopo una breve discesa su asfalto le indicazioni dell’AVP portano a sinistra sul sentiero 11 con un breve ma duro tratto iniziale di portage in forte salita poi in costa su sentiero sporco fino al bivio per il punto sosta del Porancè (traccia gps). Consiglio di evitare tale tratto e di proseguire su asfalto, per poi risalire brevemente per stradella sterrata se si vuole fare visita al bel borgo del Porancè (Centro Parco e servizi ai margini di un bel castagneto), oppure  arrivare fino alla diga del lago dove s’incontra l’altro punto sosta il ristorante/locanda Gabana. Ora la tappa prosegue verso la diga e appena superata a sinistra lasciamo l’asfalto presso la fonte del Tassinaro seguendo il segnavia Cai 01. Altri brevi tratti a spinta poi si scende alla strada asfaltata di servizio alle strutture Enea che presto diventa sterrata e ci porta con facile salita sino al bivio dove comincia il sentiero Cai 015 con indicazioni Spinareccia (km 26.7). Questo tratto in discesa lungo il Fosso di Montecucco è purtroppo spesso invaso da vegetazione e talvolta di difficile percorribilità in sella, ma non è lungo e termina su strada asfaltata presso una fonte. Ora verso destra si raggiunge Spinareccia, poi si prosegue fra castagneti fino alla località Storaia (km 30.5) e alla vicina strada per il valico di Montepiano. Scesi al ponte sul Setta si torna lungamente a salire sempre su asfalto in direzione del monte Tavianella lungo la strada che tocca il vivaio forestale delle Cottete, dove lasciamo l’Alta Via altrimenti impraticabile in bici e sempre in salita cominciamo l’aggiramento del versante ovest del Monte Coroncina dove il percorso diventa sterrato (moderaro rischio fango dopo piogge). Toccato l’incrocio con la strada che sale da Baragazza raggiungiamo Valli, dove dalla parte più bassa dell’abitato un sentiero scende decisamente nel bosco, contornando le ripide pendici settentrionali del monte Tavianella prima di scendere nella stretta e impervia valle dove nasce il Rio Davena (brevi tratti OC) e all’unione di due ruscelli compare il vasto complesso degli edifici del santuario di Bocca di Rio (km 39.9 - è possibile evitare tutto questo tratto proseguendo diritto su asfalto raggiungendo Case di Monte Tavianella e scendere sempre su strada direttamente a Bocca di Rio). Dal santuario, che merita senz’altro una visita, essendo chiusa la locanda continuo la discesa fino al fondovalle del rio Gambellato arrivando a Roncobilaccio dove è previsto il fine tappa (km 43.6).

Nota: attenzione alla presenza di zecche in tutto il comprensorio del parco, particolarmente presenti per l'alta frequentazione da parte di ungulati selvatici.

Meteo: giornata calda e soleggiata

Pernottamento: Affittacamere Lo Zodiaco 50€ + cena in pizzeria: 16.50€ (la sistemazione più economica possibile in paese)

Tappa 7: Roncobilaccio –  Le Selve (19/05/2017)

Lunghezza: Km 44,5 - Dislivello salita: 1572 m - Dislivello discesa: 1661 m. - Quota massima 1256 m.                                  Partenza ore 7.00 - Arrivo ore 14.20 - Ciclabilità 95% - Asfalto 13.2 km. - DT: BC+ / DA: BC

Questa giornata si svolge interamente nel territorio bolognese, inizialmente nel comprensorio dell’alta valle del Savena e dei suoi affluenti e funge da trasferimento verso il territorio romagnolo e i suoi grandi parchi. Non si toccano alte cime e tutt’attorno non sono presenti grandi elevazioni come nelle tappe iniziali, ma la tappa è tutta montana. Dopo una prima parte sempre tra i boschi, dove man mano il faggio comincia a essere sostituito da essenze che prediligono le quote minori, nella seconda parte della tappa comincia anche a cambiare in modo evidente il territorio. Le grandi distese boscose cominciano a diradarsi e appaiono i primi spazi aperti su ampi crinali e spalloni privi di vegetazione. Purtroppo la percorrenza di questa tappa sarà molto influenzata dalle precipitazioni: in caso di terreno bagnato si potrà trovare molta argilla a ostacolare il cammino, col terreno asciutto risulta invece più scorrevole della precedente. Non mancano però anche qui emergenze in grado di impreziosire il percorso: soprattutto naturalistiche per alcune bellissime faggete, paesaggistiche per gli ampi panorami presenti, storiche per la presenza d’importanti vie di comunicazione del periodo romano.

 

Dalle case di Roncobilaccio si risale il versante destro della valle del Gambellato su strada prima asfaltata poi sterrata passando sotto l’Autostrada e proseguendo poi con un breve tratto a spinta nel largo versante argilloso fra boschetti e pascoli fino all’abitato di Fratte (km 7.0), dove si tocca la strada fra il Passo della Futa e Pian del Voglio. Ora in salita su sterrato, con un altro breve tratto non ciclabile, si arriva valico delle Passeggere (km 8.8) ampia sella della dorsale percorsa dall’antica strada romana Flaminia che collegava Bonomia a Fiesole Via degli Dei (avendo del tempo, con una breve deviazione consigliamo di andare a vedere i resti del basolato). Su sentiero si scende fra fitti boschi alle sorgenti del Savena per poi risalire il versante opposto sempre nella faggeta, in caso di forti piogge questa zona è molto fangosa ma è purtroppo inevitabile, ancora alcuni tratti a spinta su sentiero poi all’altezza di un serbatoio dell’acqua si gira a sinistra abbandonando la traccia AVP pedonale e si raggiunge la località Ca Sabatini poi Malagigi (km 14.3). Da qui su asfalto a destra si raggiunge Ca del Barba e poi sempre su asfalto si sale al Valico del Poggio Turchino (km 16.1), dove si abbandona la strada e s’imbocca a sinistra il bel sentiero Cai 917 pedalando all’interno di una giovane faggeta che ci porterà, una volta diventato una larga pista, al Valico della Croce dell’Alpe (km 18.1). Dall’ampio slargo sterrato con breve deviazione segnalata si potrà raggiungere la cima e la croce che regala uno splendido panorama su tutta la pianura sottostante, oppure scendere direttamente e velocemente sulla larga strada per alcuni minuti. Attenzione che a un tornante (km 20.5) si lascia la pista seguendo le indicazioni dell’Alta via sul sentiero Cai 917 una traccia che con percorso sinuoso e ondulato, prevalentemente in discesa, ci conduce al passo della Raticosa (km 22.8). La percorrenza di questo tratto è fortemente influenzata dalla eventuale presenza di fango e dal passaggio delle moto da cross: in caso fosse impraticabile proseguire sulla sterrata principale in costante discesa, superando il rifugio del Frantorno, eventuale posto tappa che io salto per esigenze logistiche, e raggiunta la statale SS65 della Futa a destra in direzione del Passo della Raticosa, che si raggiunge con lunga salita asfaltata. Dal passo della Raticosa un veloce tratto di asfalto ci accompagna al sentiero Cai 801 (che ripercorre il probabile tracciato dell’antica Flaminia Minor, strada romana che collegava Claterna, sulla via Emilia a est di Bologna ad Arezzo). Percorriamo ora un bellissimo tratto su uno spoglio crinale (fango dopo piogge) ampio e panoramico sulla larga dorsale fra le valli dell’Idice e del Sillaro, costellata di ginepri e di blocchi rocciosi fra cui spicca, in basso, il cupo monolite ofiolitico del Sasso di San Zenobi (che merita senz’altro una visita). Seguendo alcune varianti all’Alta Via pedonale, talvolta impraticabile in bici, si entra nella valle del torrente Sillaro, risalendone il versante opposto e pedalando su alcune piste sterrate (possibile fango) con l’ultimo tratto ripido tocchiamo la cima de Il Sasso (km 38.1). Comincia ora la discesa finale con il primo tratto ripido e sassoso (BC+) che porta alla bella chiesetta di Monte Fune e da qui in breve con percorso più facile al posto tappa delle Selve (km 44.5).

Meteo: in mattinata variabilità di sole e nubi, vento moderato a tratti forte sul crinale; soleggiato nel pomeriggio

Pernottamento: Le Selve: mezza pensione 40€ (bellissima e tranquilla location, ottima gestione familiare)



    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.