Camaldoli e Il Sentiero delle Foreste Sacre

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 04/11/2018
Tutto il giorno


giro guidato da Anton
Descrizione:
ritrovo in auto presso Road House San Lazzaro ore 8,00
partenza in bici da Campigna
Difficolta: MC/MC (a tratti BC)
DIslivello: 1400 m
Distanza: 37 km
Tipo di bici consigliata: MTB full
Itinerario studiato per assistere allo spettacolo autunnale del foliage
Lasciata la macchina nel parcheggio vicino all’albergo Lo Scoiattolo seguiamo la traccia che sale su strada asfaltata verso il passo della Calla (3km sempre immersi nel verde) da dove prendiamo il sentiero delle Foreste Sacre dopo la sbarra a sinistra a sinistra (segnavia 00,alcuni brevi tratti a spinta).
Rimanendo sempre immersi in foreste secolari costeggiamo due riserve naturali integrali della massima importanza, quella di Sasso Fratino a sinistra e quella della Pietra a destra. Un punto panoramico sulla sinistra ci permette di ammirare la foresta di Sasso Fratino e di vedere in lontananza la diga di Ridracoli.
Oltrepassata l’edicoletta della Madonna del Fuoco siamo ai piedi della vetta di Poggio Scali (7,6 km dalla partenza, dislivello 490 m) e proseguiamo attraversando alcune vaste radure fino a raggiungere un bivio (sentiero 68) da cui un bel single track di circa 1,5 km ci porta al Sacro Eremo di Camaldoli (km.13,2, dislivello 562 metri) (alcuni punti con sassi smossi,fare attenzione ai pedoni che salgono dall’Eremo).
Dopo aver riempito le borracce ripartiamo su asfalto (circa 3 km) fino alla località Battilocchio dove prendiamo a destra una forestale che con alcuni strappi abbastanza impegnativi ci porta fino all’Aia di Dorino(km 20,4, dislivello 907 metri).
Scendiamo quindi fino al rio Fossatone da cui risaliamo su un bel sentiero oltrepassando un punto in cui si deve fare attenzione a causa dell’esposizione e della mancanza parziale del sentiero (tratto segnalato da cartelli). Rimanendo sempre immersi in boschi di conifere e faggi raggiungiamo la strada asfaltata che sale verso il passo della Calla dal versante toscano e la seguiamo per circa un chilometro. In prossimità di una fonte (possibilità di riempire le borracce) prendiamo la forestale a sinistra che ci riporta al Passo della Calla e subito dopo, salendo su strada asfaltata con pendenza minima raggiungiamo lo Chalet La Burraia, a circa un chilometro in leggera salita dal Passo della Calla, dove facciamo la sosta per il pranzo (circa 30 km e 1280 metri di dislivello).I gestori sono simpatici e disponibili e la cucina è molto valida e con prezzi contenuti.
Dopo pranzo torniamo al passo della Calla e ci buttiamo in discesa sul sent. 241 che scende ripido nel bosco per circa 3 km (alcuni passaggi esposti dove si dovrà fare molta attenzione, paesaggio spettacolare) fino ad arrivare ad una forestale che seguiamo a sinistra per tornare a Campigna.
Possibilità di vento forte sul sentiero di crinale fino al bivio per l’Eremo di Camaldoli.

Equipaggiamento: casco obbligatorio ben regolato e allacciato, occhiali da bici, guanti, protezioni, scorta d’acqua
Attrezzatura: portare almeno una camera d’aria di scorta per la propria bici con leve
cavacopertoni, pompa e multitool oltre al forcellino di scorta per il cambio
Pranzo: opzionale al termine della gita (e salvo ritardi)

Prenotazioni: obbligatoria

Le uscite sono aperte ai tesserati in regola con il certificato medico e iscritti all’uscita. Tutti coloro che non dovessero avere questi requisiti non si considereranno in nessun caso parte del gruppo anche qualora si trovassero a seguire gli associati nell’uscita di gruppo.   

Iscrivendosi a questa escursione si dichiara di aver letto attentamente la scheda descrittiva della stessa, di aver preso visione e di accettare il regolamento Gemini.

 


Partecipanti:

  • Giulio Schweizer
  • Anna battistella
  • Niccolò Peli

Accedi

Prenotazioni

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.